Area Riservata

  • Home
  • News
  • Ripresa in marzo del fotovoltaico, ma non serve

Ripresa in marzo del fotovoltaico, ma non serve

1,681 MWh è la quantità di energia prodotta questo mese, 3 volte il minimo annuale di dicembre. Più della metà di quella di luglio a fronte di 6,8 MWh consumati corrsipondenti questo mese ad un balzo del 16,1% di autarchia energetica (dovuto però principalmente ai minor consumi causa il raffreddamento dell'economia dovuto al Corona-virus). Di questi, 1,10 MWh sono stati assorbiti dall'impianto, mentre 584, prodotti nei giorni festivi e in quelli di chiusura, sono stati immessi in rete.

FotovoltaicoCovid19Covid 19 ha colpito duro e lo si vede sui consumi praticamente dimezzati rispetto a gennaio, visto che l'ultima settimana di febbraio, quella all'indomani della creazione della prima zona rossa di Codogno, aveva già subito i primi effetti.

La produzione mensile ha comunque evitato l'immissione in atmosfera di 1.177,03 Kg di anidride carbonica: un aiuto all'ambiente di cui non possiamo che esserne orgogliosi.

Scarsa soddisfazione per quello che doveva essere il mese della Primavera e di tutti i risvegli. Prendiamo il buono che, forse, stiamo ripulendo un po' l'aria. Tentiamo di fare tesoro di questa tegola che ci è arrivata in testa.
Siamo molto vulnerabili se la natura si mette di traverso sul serio.

L'impianto è stato realizzato nell'ambito del POR FESR EMILIA ROMAGNA 2014/2020 in un progetto cofinanziato dal Fondo europero di sviluppo regionale e dalla Regione Emilia Romagna. Obiettivo dichiarato del progetto è altresì garantire un accettabile livello di benessere degli occupanti il volume climatizzato, contemperando le esigenze di contenimento dei consumi energetici dell’impianto.