Area Riservata

  • Home
  • News
  • Progetto priMEr: carte creative e stampa Indigo

Progetto priMEr: carte creative e stampa Indigo

HP Indigo ha messo a disposizione un inchiostro speciale - primer - che consente di stampare anche su carte altrimenti non stampabili. Attorno a questo inchiostro, tra gli stampatori Indigo, si è creato un misunderstanding con iniziali aspettative, poi deluse, cui ha fatto seguito un immotivato abbandono generalizzato. La nostra esperienza ha mostrato interessanti possibilità per cui abbiamo deciso di creare il nostro progetto "priMEr" e avviare una specifica attività di Ricerca&Sviluppo.

Il progetto priMEr riguarderà in particolare i supporti speciali e creativi per i quali è improbabile che le cartiere abbiano interesse a sviluppare una versione ad hoc per Hp Indigo 10000 e 12000.

Questo inchiostro viene steso sulla superficie della carta a tappeto oppure spot sugli elementi grafici e serve per aumentare l'adesione degli ElectroInk di Hp. In pratica è una colla che si frappone tra il supporto e gli inchiostri. Già per questo fatto la sua gestione è abbastanza complicata e richiede una manutenzione speciale pena l'intasamento di condutture e ugelli. Pregiudiziale importante è che non funziona sui materiali plastici.

Test Primer 70x50La sperimentazione partirà dalle linee guida Hp sull'uso dell'inchiostro primer e seguirà in step successivi di stampa, sempre più "stressanti", sfruttando una forma test di nostra proprietà con relativo punteggio ai vari supporti.

Aspetto prioritario di valutazione, oltre alle solite cose che si possono vedere o misurare attraverso la nostra forma test, sarà la resistenza allo sfregamento che misureremo appena stampato e in altri 3 momenti diversi sulle tacche del nero ricco (50C, 40M, 40Y, 100K) e del grigio monocromatico al 50%. Ma valuteremo anche l'outer gamut, ovvero la quantità di colori espressi da quel supporto prima e dopo il trattamento stante il benefico effetto che possono trarre alcuni supporti.

Quali supporti utilizzeremo?
L'abbiamo chiesto ai creativi che ruotano attorno alla nostra azienda nonché alle cartiere nostre fornitrici. E poi, attraverso i social, a tutti i creativi interessati per dare un senso molto personale a quel "ME" - cioè "la carta che più mi piace" - che abbiamo trovato e scritto in maiuscolo nella parola primer.

Al termine della sperimentazione daremo ai nostri clienti creativi un catalogo che raccoglie i migliori risultati, ovviamente per le carte più accattivanti dal punto di vista grafico e che possono trarre giovamento dalla tecnologia.
Quanto ampio sarà questo catalogo lo sapremo fra qualche mese.